Buone notizie: un #librosospeso vi aspetta in libreria!

Libro sospesoSempre in occasione del "Maggio dei libri", anche la libreria Sognalibro ha deciso di aderire all’iniziativa "Il Libro Sospeso" che si rivolge ai ragazzi tra i 6 e i 18 anni. L’idea nasce nello specifico nella Libreria Ex Libris Cafè di Michele Gentile, che si è ispirato al "caffè sospeso" che si può lasciare già pagato al bar a vantaggio di chi non potesse permettersi di pagarlo da sé.

Il meccanismo è semplice: si acquistano due libri (ma anche un albo da colorare), uno per sé, l’altro per uno "sconosciuto" tra i 6 e i 18 anni. Il libro acquistato sarà preso in consegna dal libraio e consegnato a un ragazzo che si sarà recato in libreria nei giorni successivi. Per sapere a chi è andato il proprio "libro sospeso" si potrà chiedere in libreria oppure ricevere il nome sulla propria e-mail, il tutto nel pieno rispetto della privacy, poiché i dati saranno noti esclusivamente al libraio e saranno comunicati solo dietro precisa richiesta.

Libro sospesoMolte altre librerie in diversi luoghi d’Italia, con favorevoli riscontri da parte dei clienti, hanno abbracciato con entusiasmo l’idea che intende essenzialmente favorire la lettura tra i ragazzi (ma non solo, visto che l’iniziativa diventando virale ha perso la connotazione dell’età, diventando generica). Tutto questo per promuovere una decisa inversione di marcia alla tendenza che vede gli italiani sempre più lontani dalla lettura.

Siamo convinti che questa iniziativa sia più che in linea con le aspirazioni della libreria, condensate nel nostro motto "Coltiviamo Sogni". E, sì, fra questi c'è sicuramente quello che un'idea del genere trovi sempre maggiore popolarità. Regalando letture, regaliamo pane e ottimo companatico per la mente. Speriamo che la generosità attecchisca ovunque, ma soprattutto vogliamo credere che il passaparola fra i giovani li porti a scoprire un mondo straordinario pieno di storie tutte da vivere...

L'iniziativa durerà per tutto l'anno fino a Natale. I libri che rimarranno sospesi alla fine dell'anno verranno donati alla piccola biblioteca popolare di Gaiola, che in pochi anni ha preso forma presso i locali del Municipio e la cui realtà, sostenuta e sviluppata esclusivamente da intelligenti e tenaci cittadini volontari, non si limita al prestito di volumi, ma abbraccia tutta una serie di attività socialmente rilevanti.

Share